Ultimo saluto in riva al Bagmati

Sono a Pashupatinath, uno dei templi sul fiume Bagmati, in Nepal, in cui vengono cremati i corpi. Viene considerato sacro tanto dagli induisti quanto dai buddisti ed è costeggiato di templi, Nelle sue acque vengono disperse le ceneri dei morti dopo la cremazione. Questo rituale ha il suo epicentro nel tempio di Pashupatinath a Kathmandu.

Questa esperienza, dura e tragica mi ha impresso immagini ed odori come solo una marchiatura a fuoco riportandomi alla mente le parole dolorose scritte da Campana in una delle sue più cupe poesie:

L'INVETRIATA

La sera fumosa d'estate
Dall'alta invetriata mesce chiarori nell'ombra
E mi lascia nel cuore un suggello ardente.
Ma chi ha (sul terrazzo sul fiume si accende una lampada) chi ha
A la Madonnina del Ponte chi è chi è che ha acceso la lampada? C'è
Nella stanza un odor di putredine: c'è
Nella stanza una piaga rossa languente.
Le stelle sono bottoni di madreperla e la sera si veste di velluto:
E tremola la sera fatua: è fatua la sera e tremola ma c'è,
Nel cuore della sera c'è,
Sempre una piaga rossa languente.

more: Ultimo_saluto_in_riva_al_Bagmati.pdf

loading